Pubblicato il

Ci siamo quasi

Come forse ricorderete avevamo annunciato gli esiti alla fine di settembre e, giustamente, molti di voi hanno cominciato a scriverci per avere notizie.
Il lavoro della giuria è stato decisamente impegnativo perché si trattava di leggere oltre 500 racconti: per farlo con scrupolo e attenzione ci vuole tempo.
Sabato 29 settembre la giuria si è riunita per l’ultima volta, speravamo prendessero decisioni definitive e, tuttosommato, è stato così. Tuttavia rimane ancora qualche ballottaggio da fare. Ci auguriamo dunque che ci scuserete se vi chiediamo ancora un po’ di pazienza…
Non appena la selezione sarà completa informeremo tutti voi degli esiti.
Il passo successivo sarà quello di cominciare la pubblicazione del libro: verranno contattati telefonicamente gli autori selezionati, verrà concordato un eventuale editing dei testi, verranno poi contattati gli illustratori per interpretare i racconti scelti, e così via fino ad arrivare alla presentazione. Anche in questo caso verrete aggiornati sulla data e, naturalmente, invitati a venire. Chiediamo venia per l’attesa.

Pubblicato il

Attente e approfondite letture…

Angelo - Federica Bordoni

Qualcuno comincia a chiederci a che punto siamo con la selezione dei racconti. Per leggere con attenzione oltre 500 racconti ci vuole impegno e tempo. E la nostra instancabile giuria ce la sta mettendo tutta… Avevamo annunciato novità entro la fine dell’estate e confermiamo che intorno alla fine di settembre comunicheremo quali sono i racconti selezionati in questa sesta edizione del concorso. Naturalmente verrà inviata una mail a tutti i partecipanti, ma siccome è nota la predisposizione della corrispondenza elettronica a infilarsi in una cartella denominata SPAM, vi consigliamo di tenere d’occhio il sito. Siamo come sempre a disposizione per chiarimenti e informazioni!

Angelo - Federica Bordoni

Illustrazione di Federica Bordoni (particolare)

Pubblicato il

Chiuse le iscrizioni alla sesta edizione

Il 10 maggio si sono chiuse le iscrizioni alla sesta edizione del concorso di racconti di Tapirulan. In questi giorni tutti i testi inviati verranno catalogati e successivamente dirottati alla giuria. Migliaia di parole passeranno davanti agli occhi dei nostri valorosi giurati. Attendiamo con trepidazione – alla fine dell’estate – il loro responso. Tenete d’occhio il nostro sito per tutti gli aggiornamenti.

Pubblicato il

Nuova edizione del concorso di racconti

Oggi parte la nuova edizione del concorso di racconti illustrati di Tapirulan. Siamo alla sesta edizione! Quindi devo sia scrivere che disegnare?, si starà chiedendo chi non ha mai partecipato. No, devi scrivere e basta. Ad interpretare il tuo racconto – se verrà selezionato – ci penserà un disegnatore che sceglierai tu stesso tra quelli che collaborano con Tapirulan o sono stati pubblicati sui cataloghi di Tapirulan. Dunque l’unica cosa che devi fare è preparare uno, oppure due, al massimo tre racconti e inviarli entro il 10 maggio 2018. La nostra redazione si prenderà cura di loro, li leggerà attentamente e ne sceglierà una quindicina da pubblicare sulla prossima antologia illustrata.

Qui si possono sfogliare le antologie delle edizioni precedenti.

Ci sarà il consueto primo premio (500 euro) e la partecipazione, in qualità di ospite speciale, di Cristiano Cavina. Se vuoi leggere il regolamento completo dirigiti qui!

Pubblicato il

Cristiano Cavina ospite speciale

Cristiano Cavina è nato a Faenza e cresciuto insieme alla madre e ai nonni materni nelle case popolari di Casola Valsenio, piccolo paese sulle colline dell’Appennino faentino, Cristiano Cavina si dedica sin da piccolo alle sue due grandi passioni: la letteratura (dall’avventura alla fantascienza, dai classici russi agli americani contemporanei) e il calcio (ha giocato dai pulcini fino all’under 18 per la squadra locale, l’A.C. Casola).

Non amante degli studi, Cavina si è sempre mantenuto – oltre che con l’attività di scrittore – con qualsiasi lavoro gli sia capitato: muratore, portalettere, pizzaiolo e altri ancora.

Cristiano Cavina

Pubblicazioni

Con la sola eccezione di Scavare una buca (2010), tutti i romanzi pubblicati da Cavina sono ambientati a Casola Valsenio, suo paese natale, e hanno come protagonista l’autore stesso, presentato però sotto diverse sfaccettature: il bambino legato al paese e alla famiglia, l’adolescente alle prese con il campionato di calcio della propria squadra amatoriale, oppure l’adulto che si scopre padre.

Il suo primo romanzo, pubblicato nel 2003 all’età di 29 anni, s’intitola Alla grande e ottiene un successo inaspettato: vende infatti oltre 10.000 copie e viene tradotto in francese dalla casa editrice Anne Carrière, con il titolo C’est géant. Grazie a quest’opera, nel 2006 Cavina si aggiudica il prestigioso “Premio Tondelli”.

Nel novembre del 2005, esce nelle librerie il secondo romanzo di Cavina, intitolato Nel paese di Tolintesàc: questo scritto ottiene ancora più successo del precedente e fa conoscere l’autore in tutta Italia. Per oltre due mesi, Nel paese di Tolintesàc resterà nella classifica dei libri italiani più venduti. Intanto sopraggiunge un ulteriore importante riconoscimento: Cristiano Cavina vince, insieme ad altri due scrittori, il Premio Fenice Europa 2006.

Il terzo romanzo, pubblicato nel novembre del 2006, è dedicato alla sua grande passione per il calcio: il buon risultato di vendite di Un’ultima stagione da esordienti conferma che ormai Cavina ha un proprio pubblico di affezionati lettori.

Il quarto romanzo, I frutti dimenticati, viene pubblicato nel 2008 e, per la prima volta, ha come protagonista un Cristiano Cavina maturo, adulto. Il libro è stato tradotto in arabo negli Emirati Arabi nel 2016.

Nel 2010, sempre con la casa editrice Marcos Y Marcos, Cavina pubblica il suo quinto lavoro: Scavare una buca. A differenza dei romanzi precedenti, questa volta il protagonista non è Cavina stesso, ma un minatore che lavora presso una cava di gesso.

Del 2012 è Romagna mia!, una serie di brevi saggi ironici per raccontare la sua terra e i personaggi che l’hanno popolata, mentre nel 2013 esce il nuovo romanzo Inutile tentare imprigionare sogni, che racconta le vicende di un adolescente durante gli anni delle scuole superiori.

Pizza!

Nel 2014 è la volta di La pizza per autodidatti, che nel 2016 viene tradotto in tedesco con il titolo Die pizzaphilosophie.

Pinna morsicata, dato alle stampe nel 2016, è il racconto di un giovane delfino alla scoperta della vita. È forse il primo libro di Cristiano Cavina scritto e pensato per i più giovani. Anche se è un libro un po’ tragico, è molto apprezzato dai lettori più piccoli.